Il 30 novembre e il primo dicembre, dalle ore 10:30 alle ore 19:30, l’artista-golfista Giorgio Piccaia apre le porte del suo atelier agli amici e agli appassionati d’arte. Sarà possibile visitare lo studio che si trova ad Agrate Conturbia dove il pittore lavora da alcuni anni in uno spazio al piano terra del Castello (l’entrata è dal parco di vicolo Castello 7).
Per l’occasione Piccaia mostrerà i suoi ultimi lavori e illustrerà il suo progetto artistico per il 2020, dal titolo “Omaggio a Fibonacci” (matematico pisano del XIII secolo). Nei due giorni di apertura al pubblico, l’artista  realizzerà anche alcune ceramiche e incisioni.
“Sono molto contento che il sindaco Tosi e l’amministrazione di Agrate Conturbia riconoscano il mio lavoro ospitandomi nei locali del Castello – dice Piccaia -. In questo spazio penso e realizzo le mie opere che poi porto in tutto il mondo tenendo alto il nome del mio comune. Qui, infatti, ho ideato il cartone per il murale che ho dipinto nel mese di febbraio all’Ambasciata d’Italia al Cairo”.
Nel frattempo si è da poco chiusa la Biennale dei record a Venezia (600.000 visitatori), allo Spazio Thetis dell’Arsenale nella mostra collaterale Pei’s World, dove era anche presente – unico artista europeo – anche Piccaia con il trittico “Iside” (olio su tela del 2017). Ricordiamo anche che dal 27 settembre l’opera di Piccaia dal titolo “Logo”s è entrata a far parte della collezione permanente dei giardini dell’Arsenale di Venezia.

 

 

@Riproduzione riservata