L’inglese, al 14° titolo sul circuito, sarà uno dei protagonisti del prossimo Open d’Italia. Settimo posto per Migliozzi.

L’inglese Paul Casey, che sarà al via del prossimo Open d’Italia in programma dal 10 al 13 ottobre a l’Olgiata, si è imposto con 274 colpi (66, 73, 69, 66: -14) nel Porsche European Open, firmando così il suo 14° titolo sull’European Tour, dove non vinceva dal 2014.
In un finale molto combattuto e ricco di colpi di scena, Casey, 42enne di Cheltenham, quattro presenze in Ryder Cup, con un parziale di 66 (-6, sei birdie senza bogey) ha superato di un solo colpo il giovane irlandese Robert MacIntyre e il tedesco Bernd Ritthammer, entrambi in vetta dopo tre turni, e l’austriaco Matthias Schwab (275, -13). In quinta posizione con 276 (-12) l’austriaco Bernd Wiesberger e in sesta il francese Romain Wattel (277: -11).
Sul percorso del Green Eagle Golf Courses (par 72) ad Amburgo in Germania, buona la prova di Guido Migliozzi, settimo con 278 colpi (71, 68, 72, 67: -10), terza miglior prestazione stagionale dopo le due vittorie ottenute nel Kenya Open e nel Belgian Knockout. Insieme a Migliozzi anche lo spagnolo Pablo Larrazabal, mentre non hanno lasciato il segno due attesi protagonisti quali gli statunitensi Patrick Reed, campione Masters 2018, 36° con 289 (+1), e Xander Schauffele, secondo nella recente FedEx Cup, 46° con 290 (+2).
Sono usciti al taglio gli altri italiani in gara: Renato Paratore (77 73) e Lorenzo Gagli (75 75), 105.i con 150 (+6), Matteo Manassero, 143° con 157 (81 76, +13), e Filippo Bergamaschi, 145° con 158 (77 81, +14).

CLASSIFICA

@Riproduzione riservata