Alps Tour: sul percorso del GC Cervino, l’irlandese si è imposto sull’italiano grazie ad un birdie alla prima buca di spareggio.

L’irlandese David Carey ha vinto con 191 colpi (57, 67, 67: -13) il Cervino Open, torneo in calendario nell’Italian Pro Tour Banca Generali Private e nell’Alps Tour, disputato a Cervinia, sul percorso del Golf Club Cervino (par 68), uno dei campi più alti d’Europa (2.050 metri sul livello del mare). Carey è stato raggiunto sull’ultima buca da Edoardo Raffaele Lipparelli (191 – 63, 65, 63), ma poi l’irlandese ha avuto la meglio con un birdie alla prima buca di spareggio.
Come ormai avviene in quasi tutte le gare del circuito, gli italiani sono stati grandi protagonisti, anche se è mancato il titolo (già cinque conquistati in stagione). Oltre a Lipparelli si sono fatti valere anche Enrico Di Nitto, da 11° a terzo con 194 (63 68 63, -10) alla pari con l’inglese Andrew Scrimshaw, e Federico Maccario, in corsa per il successo fino alle ultime buche e quinto con 195 (66 60 69, -9) affiancato dallo spagnolo Angel Hidalgo Portillo.
Una bella impresa l’ha compiuta Jacopo Albertoni, autore di un 61 (-7, otto birdie, un bogey), score più basso del turno, che l’ha proiettato dal 33ª alla nona piazza, con 197 (-7), miglior dilettante dell’evento. Stesso punteggio per Luca Cianchetti e dietro Michele Ortolani, 17° con 199 (-5), e Alessandro Grammatica, 21° con 200 (-4). Si è difeso con onore l’altro amateur Giacomo Fortini, 27° con 201 (-3), vincitore della scorsa edizione, che ha concluso insieme ad Alessandro Aloi e, comunque, note di merito anche per gli altri due dilettanti Andrea D’Agostino (39° con 204, par) e Davide Buchi (46° con 207, +3), che hanno superato il taglio.
Fonte Ufficio Stampa Federgolf

CLASSIFICA

 

@Riproduzione riservata