Grande successo per le ultime due finali internazionali del circuito “Domina National Championship” giocate nel mese di marzo a Sharm El Sheikh (240 i giocatori in gara). Già partita l’edizione 2019 con interessanti novità per quanto riguarda i premi.

Può sembrare un paradosso, ma non lo è. Mentre si sono già disputate sette delle 56 gare in programma per la stagione 2019, lo scorso marzo, a Sharm El Sheikh, si è chiusa l’edizione 2018 della “Domina National Championship”, un circuito che, anno dopo anno, ha consolidato la sua presenza nel panorama golsfistico italiano.
Come già avviene da anni, l’ultimo atto ha riscosso un notevole successo: dopo 60 gare con accesso diretto alle finali internazionali (ogni gara ha generato 4 finalisti per un totale di 240 giocatori che hanno acquisito il diritto di volare gratuitamente con la propria sacca in Egitto, nella splendida località balneare di Sharm El Sheikh), i giocatori qualificati sono stati suddivisi in quattro finali è hanno trovato alloggio al “Domina Coral Bay”, non un semplice villaggio, ma una vera e propria città costruita da Domina, conosciutissimo brand italiano.
In questo incantevole paradiso del golfista, dove sono andate in scena le ultime due settimane di finali, si è registrato un vero boom di presenze: 135 partecipanti nella prima settimana, 120 nella successiva. Numeri importanti che testimoniano l’alto gradimento non solo del torneo, ma anche dell’impeccabile organizzazione che, anno dopo anno, fa da richiamo per i sempre più numerosi partecipanti.
“I numeri finali ci danno ragione e noi, ovviamente, siamo soddisfatti per come sono andate le cose – dice Luigi Cardin, sport manager di Domina -. Solitamente le finali di golf contano molte meno adesioni degli aventi diritti e se noi stessi ci attestavamo sui settanta-ottanta partecipanti a settimana, gli ultimi risultati dimostrano che la destinazione da noi offerta è tornata a essere attrattiva non solo per il turismo del tempo libero, ma anche per quello sportivo”.
Le finali del marzo scorso, come sempre, hanno visto impegnati i giocatori al “Jolie Ville Golf Course” in una competizione 36 buche a due categorie, giocata dai tee bianchi per gli uomini e dai tee blu per le donne (Medal per la Prima categoria, Stableford per la Seconda). In concomitanza con le gare di finale, si è disputata anche una gara di amici-accompagnatori (36 buche Stableford) molto gradita da tutti i partecipanti.
Chiuso il capitolo 2018, nel frattempo il circuito Domina 2019 ha già mosso i suoi primi passi riscuotendo consensi per i premi riservati a tutti i vincitori di giornata: “Viste le tante richieste di partecipazione ai viaggi golf e alle finali – spiega Cardin -, per questa stagione abbiamo scelto di premiare i secondi di categoria, Lady e Senior delle 56 “Domina National Championship”, con una vacanza gratuita in All Inclusive (sempre con volo incluso) da utilizzare entro dodici mesi dalla vincita”.
Ricordiamo che i primi di categoria e primo Lordo di ogni gara saranno invece premiati con l’accesso diretto alla finale internazionale Domina che per questa nuova stagione sarà giocata a Sharm nei mesi di novembre 2019 e marzo 2020 (anche questa formula si arricchisce ulteriormente grazie al trattamento All Inclusive.

Per vedere tutte le fotografie Domina CLICCA QUI

Per informazioni sulle gare scrivere a Luigi Cardin all’indirizzo mail sport@domina.it

CALENDARIO 2019

I vincitori della terza Finale Internazionale

I vincitori della quarta Finale Internazionale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

@Riproduzione riservata