L’artista-golfista invitato dall’Istituto Italiano di Cultura del Cairo: inaugurazione della mostra giovedì 31 gennaio.

Giorgio Piccaia, l’artista-golfista con studio nel Castello di Agrate Conturbia, è stato invitato dall’Istituto Italiano di Cultura del Cairo per una residenza d’artista e una mostra (Artists in Residence) che sarà inaugurata il prossimo 31 gennaio (ore 19). Insieme a Piccaia sarà presente anche l’artista cinese Hu Huiming, entrambi rappresentati dalla galleria Ma-ec con sede a Palazzo Durini di Milano.
L’evento rappresenta un prestigioso programma culturale che vedrà Giorgio Piccaia impegnato anche nella realizzazione di un murales in un antico monastero. “Sono contento di questa opportunità – dice l’artista -; amo l’arte e la cultura egiziana, la mia ricerca pittorica va in questa direzione e sono affascinato dai simboli di questa civiltà che tanto ha dato all’umanità. Per me sarà l’occasione per studiare dal vivo le sue forme espressive”.
È la seconda volta in pochi mesi che Piccaia si reca in Egitto. Nello scorso ottobre, infatti, ha partecipato ad un simposio internazionale con altri 35 artisti. “In questo periodo sto preparando un’importante installazione che verrà esposta in una biennale internazionale e il mio viaggio al Cairo è utile anche per questo” dice Piccaia.
In mostra Piccaia presenterà acrilici su tela e opere su carta, mentre Huiming lavori fotografici (in esposizione anche alcune opere dell’artista egiziano Hossam Dirar). “Siamo davvero onorati che l’istituto Italiano di Cultura, diretto da Paolo Sabbatini, studioso calligrafo e sinologo abbia selezionato e invitato due artisti della nostra galleria a partecipare ad un così ambizioso progetto” ha dichiarato Peishuo Yang, direttore della Galleria MA-EC.

Giorgio Piccaia e il quadro omaggio a Iside

 

@Riproduzione riservata